Perché ho scelto il Counselling…

Durante il mio percorso universitario in Servizio Sociale, ho incontrato il Counselling grazie alla Dott.ssa Marianna Paciocco, Direttore Scientifico dell’Associazione KaroMe’® e ideatrice del modello di Counselling dell’Anima®.

Ero una studentessa desiderosa di apprendere e di comprendere al meglio le relazioni, le emozioni, ciò che accadeva alle persone e come poterle aiutare. Grazie a Marianna Paciocco, allora mia docente universitaria, ho conosciuto ed amato il Counselling.

Perché mi sono innamorata del Counselling?

Fiducia nell’essere umano e nelle sue potenzialità.

La Persona è al centro della Relazione.

Perché il Counselling è ascolto, accoglienza, accettazione, non giudizio, empatia.

Perché il Counselling lavora nell’area del Ben-Essere.

Perché il Counsellor non ti dice cosa fare, ti accompagna ad ascoltarti e ad osservare ciò che ti accade, aiutandoti a cogliere altri punti di vista, a vedere ciò che non vedi, ciò che forse stai evitando.

Perché il Counsellor è autentico e congruente, non finge un ruolo.

Perché i percorsi di Counselling sono finalizzati a rendere il cliente consapevole di sè e delle sue capacità per scegliere la vita che desidera, in autonomia e libertà.

Perché la formazione dei Counsellors è esperienziale, ossia lavoro su se stessi, autoconoscenza, autoascolto, esercizio di consapevolezza e crescita personale.

Per questi motivi decisi di intraprendere il percorso triennale di formazione in Gestalt Counseling con approccio umanistico-integrato presso l’Aspic Scuola Superiore Europea di Counseling di Teramo, che ho concluso con gioia e soddisfazione.

Gli studi universitari, le letture, i tirocini, non avevano pienamente risposto a tante mie domande, legate all’evidenza che ogni professionista dell’aiuto è in primis persona e i due aspetti non possono essere scissi.

Un professionista che aiuta deve necessariamente essere un professionista consapevole di se stesso, della sua vita, delle sue luci ed ombre, deve aver attraversato il suo cammino e aver abbracciato la sua vita.

Il Counselling mi ha offerto la possibilità di conoscere davvero me stessa, di farne tesoro e di portare un reale cambiamento su alcuni ambiti della mia vita.

Ho sperimentato su di me che il Counselling è possibilità di un autentico miglioramento degli aspetti di vita, delle relazioni, del comunicare, dell’amare noi stessi.

Le mie esperienze professionali come assistente sociale, come tutor didattico e lavorativo, mi hanno fatto toccare con mano il valore profondo del percorso di counselling, dell’affiancare al sapere teorico e ai tanti studi, l’Essere un professionista consapevole e sempre in cammino e crescita.

La mia formazione, proseguita sia come assistente sociale, sia come Counsellor (per maggiori info clicca qui), sia nell’approfondire altre discipline, mi ha portata a scegliere come modello riferimento

il Counselling dell’Anima® dell’Associazione KaroMe’® .

che armonizza cui le discipline di evoluzione personale nate in occidente si uniscono agli approcci più antichi di derivazione orientale, in cui l”Essere umano è considerato un Tutto: corpo-mente-anima.

Il Counselling dell’Anima® abbraccia la persona nella sua totalità.

Torna su